La narrativa è conosciuta per essere una struttura fondante dell’essere umano. La formazione dell’identità e dello sviluppo personale possono essere  compresi sia in termini di struttura narrativa, sia come processi narrativi.

L’Europa -affogata nei media moderni- sembra aver perso la sua connessione con lo storytelling e la tradizione orala. Contenuto, linguaggio e performance trasformano le storie in prodotti genuini della cultura su cui sono basati. Una rivitalizzazione dello storytelling può aiutare le comunità a riguadagnare un collegamento con la loro stessa eredità e identità, e procurare loro uno strumento per migliorare la comprensione reciproca

Il progetto Story Regions vuole sviluppare e condividere approcci di storytelling per lo sviluppo comunitario, la coesione sociale e l’apprendimento mediante la promozione dello storytelling nell’insegnamento formale e non formale e in una varietà di settori sociali & culturali, mediante lo sviluppo delle competenze professionali di insegnanti, trainer e tramite la creazione di reti di storytelling intersettoriali e regionali con collegamenti europei.

Con questo progetto vogliamo esplorare i potenziali della narrazione orale come strumento di apprendimento per gruppi con diversi target nell’educazione di adulti e in contesti sociali e culturali. Non solo utilizzando storie portatrici di conoscenza (culturale, storica) e per esercitare capacità di ascolto e produzione orale, ma anche perché ciò offre uno strumento forte di potenziamento e coesione sociale. Pensiamo che lo storytelling abbia un forte potenziale affiché le persone siano attratte e motivate a studiare, per mettersi in contatto con gli altri, con altre generazioni, per esprimere il proprio sé come integrati nella società. Pensiamo anche che lo storytelling offra un approccio comune allo sviluppo e all’apprendimento personale, che ha il potenziale di unire diversi settori in una comunità.

Il progetto Story Regions vuole:

-accrescere la consapevolezza del potenziale dello storytelling e promuoverlo come strumento di apprendimento in campi differenti della formazione formale e non formale adulta e nella vita socioculturale

-accrescere la consapevolezza del potenziale dello storytelling come strumento per la partecipazione e la formazione si una coscienza di cittadinanza europea

-incoraggiare la coesione sociale, specialmente verso gruppi svantaggiatin e migranti;

-migliorare la capacità professionale di insegnanti, trainer per discenti adulti, operatori di comunità e professionisti culturali attraverso l’utilizzo di storie e  dello storytelling verso i propri gruppi di riferimento.

-migliorare la capacità professionale di coloro che operano nel settore socioculturale per la costruzione di progetti basati sullo storytelling come strumento per lo sviluppo delle comunità.

-sviluppare un approccio regionale per promuovere e accrescere la cooperazione intersettoriale nello storytelling applicato all’apprendimento e per la coesione sociale

-contribuire allo sviluppo professionale di “storytellers” che promuovano e supportino l’introduzione dello storytelling in settori della società per accrescere la rete e la cooperazione internezionale e intersettoriale.

-sviluppare una dimensione interculturale e internazionale di approcci e di strumenti.

L’innovazione rappresentata dal progetto Story Regions risiede nell’introduzione di approcci e tecniche dello storytelling come fattore vincolante per unire i differenti settori socioculturali e adi apprendimento all’interno di una comunità che utilizzi un approccio comune per la cooperazione per l’apprendimento, per lo sviluppo comunitario e per la coesione. Si proverà a raggiungere questo obiettivo sviluppando le competenze professionali di insegnanti, trainer, impiegati nei settori sociali e culturali e curatori dello storytelling, nonchè attraverso la costruzione di una rete di storytelling intersettoriale regionale con collegamenti europei.

Il progetto Story Regions coinvolge una serie di attività come:

– la mappatura dei diversi attori che all’interno di una comunità giocano un ruolo nell’apprendimento (non formale).

Survey analysiselaborazione di strumenti di analisi tra gli attori in gioco  per lo sviluppo di progetti basati sullo storytelling

– lo sviluppo di un profilo di competenze necessarie per la qualifica di “storyteller”

– lo sviluppo di una metodologia per la cooperazione intersettoriali attraverso l’utilizzo dello storytelling

– la raccolta di best practices europee

– la creazione di progetti pilota di storytelling di comunità

– l’organizzazione di infodays & training

– la creazione di linee guida e la pubblicazione di un manuale.creare guide linea e pubblicare un manuale